Come combattere la muffa? - Studio Termotecnico – Somma Lombardo Varese – progettazione impianti
Il nostro studio in Somma Lombardo in provincia di Varese si occupa di progettazione di impianti
studio termotecnico, progettazione, certificatore energetico, impianti, pratiche legge 10, pratiche ispesl, diagnosi energetiche, geotermico, condizionamento, riscaldamento, caldaia a condensazione, caldaia a biomassa, aeraulici, detrazioni, diagnosi, gas, pannelli solari, serramenti ed infissi, solare, perizie, progettazione isolamenti, progettazioni impianti
17475
post-template-default,single,single-post,postid-17475,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
muffa-sui-muri

Come combattere la muffa?

Anzitutto è necessario eliminare le tracce di muffa esistenti. Allo scopo si possono impiegare vecchi rimedi come l’alcol denaturato. In commercio sono disponibili anche vari prodotti fungicidiIl passo successivo consiste nell’individuare e eliminare le cause dell’inconveniente.

Eliminare le cause

La formazione di muffa può essere dovuta a diversi fattori: insufficiente isolamento termico delle pareti, presenza di ponti termici, errate abitudini di riscaldamento e di ventilazione della casa.

Consigli

1 Monitora l’ambiente

Un igrometro collocato nelle stanze infestate dalla muffa (meglio se in prossimità delle aree più colpite) permette di monitorare il grado di umidità e osservarne l’eventuale relazione con lo sviluppo di colonie fungine. 

2 Ricambia l’aria ma… fai attenzione!

E’ sempre opportuno ventilare i locali, individuando per tentativi la durata e il tipo di ventilazione (aerazione d’urto, correnti d’aria) che influiscono sul grado di umidità. In questo modo si capirà anche se il problema muffe dipende dal ricambio d’aria, e quindi se può essere risolto semplicemente modificando tempi e modi di ventilazione della casa.

Aprire per troppo tempo può essere controproducente!

Inoltre non commettere l’errore di non riscaldare mai alcune stanze o di riscaldarle in maniera indiretta sfruttando il calore presente nel resto dell’abitazione.

3 Installa una VMC anche con sensore di CO2

Oltre alle muffe, un insufficiente ricambio d’aria può causare anche un’eccessiva concentrazione di anidride carbonica (CO2).
Installando un sistema di ventilazione centralizzato o decentrale oppure un dispositivo di apertura-chiusura automatica delle finestre a ribalta, si garantisce un corretto ricambio d’aria nelle stanze. In questo modo si previene sia la formazione di muffe sia un’eccessiva concentrazione di CO2.