Facciata a doppia pelle dinamica: Thyssenkrupp Quarter
Il nostro studio in Somma Lombardo in provincia di Varese si occupa di progettazione di impianti
studio termotecnico, progettazione, certificatore energetico, impianti, pratiche legge 10, pratiche ispesl, diagnosi energetiche, geotermico, condizionamento, riscaldamento, caldaia a condensazione, caldaia a biomassa, aeraulici, detrazioni, diagnosi, gas, pannelli solari, serramenti ed infissi, solare, perizie, progettazione isolamenti, progettazioni impianti
17830
post-template-default,single,single-post,postid-17830,single-format-standard,bridge-core-2.0,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-19.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Facciata a doppia pelle dinamica: Thyssenkrupp Quarter

NUOVI SISTEMI TECNOLOGICI

Thyssenkrupp Quarter

La facciata dinamica è un particolare sistema multifunzionale e altamente comprensivo applicato agli edifici, capace di adattare in tempo reale le sue funzioni, caratteristiche e comportamento in risposta a requisiti prestazionali. Questa si basa su parametri come la temperatura interna o esterna, il livello di illuminamento sul piano orizzontale e verticale o l’irraggiamento solare.

I vantaggi nell’utilizzo di questa tecnologia sono molteplici, in primis il miglioramento del comfort interno sia in termini visivi riuscendo a raggiungere un adeguato livello di illuminazione degli ambienti, sia in termini di benessere termico evitando il surriscaldamento dell’ambiente; il sistema tecnologico migliora anche le prestazioni dell’edificio con un conseguente risparmio energetico dal punto di vista del riscaldamento, raffrescamento e illuminazione artificiale.

Thyssenkrupp Quarter utilizza questa nuova tecnologia, in facciata infatti sono presenti all’incirca 400.000 lamelle che garantiscono la protezione dalla radiazione solare. Queste in quantità sono paragonabili ad un installazione di una classica schermatura esterna ma, possiedono il vantaggio di non limitare la vista verso l’esterno, e di rimanere funzionali anche in caso di venti forti. Il Thyssenkrupp Quarter diventa unico del suo genere grazie a questa tipologia di schermatura, garantendone una vista completamente trasparente quando le lamine sono completamente aperte e parzialmente trasparente quando le lamine sono chiuse.

Thyssenkrupp Quarter
Dettagli facciata ventilata

Principio di funzionamento della facciata

Il principio di funzionamento, mostrato nella figura sottostante, è basato sulla rotazione delle lamelle intorno ai montanti verticali installati in facciata. Il sistema percepisce degli input, in questo caso la temperatura esterna e la posizione del sole, e orienta le lamelle attraverso un movimento meccanico denominato output.

Durante la prima fase della giornata le lamelle sono disposte a 90°, sovrapponendosi e garantendone la massima apertura, facendo penetrare la luce all’interno dell’edificio.

Principio di funzionamento facciata ventilata

Nelle ore centrali della giornata, specie nella stagione estiva, le lamelle ruotano allontanandosi tra di loro; questo blocca sempre di più il passaggio dei raggi solari fino ad arrivare alla completa chiusura, formando un angolo di 180° tra le lamelle. Questa situazione solitamente è raggiunta nelle ore più calde della giornata, qui la facciata blocca la maggior parte della radiazione solare diretta ma garantisce un buon livello di luce naturale, grazie alla posizione delle lamelle, correttamente distanziate tra di loro e incrementando la riflessione luminosa.

Funzionamento facciata ventilata
Aspetti economici facciata ventilata

Caratteristiche dell’edificio

Il campus è stato progettato utilizzando il principio del “core shell”; creando di fatto un contrasto nell’edificio tra interno ed esterno con giochi di pieni e vuoti. La facciata dinamica è composta da lamelle orizzontali in acciaio agganciate a montanti metallici verticali. Questi possiedono due serie di doghe orizzontali su entrambi i lati che regolano la quantità di luce solare entrante nell’edificio. I montanti sono posizionati con un interasse di 67,5 cm in coerenza con la progettazione degli uffici. Le lamelle orizzontali sono posizionate in modo tale da formare diverse forme geometriche quali rettangoli, trapezi e triangoli. Le forme combinate creano l’illusione di un movimento della facciata paragonabile ad un campo di grano agitato dal vento.

Le forme triangolari e trapezoidali misurano in larghezza dagli 0 cm fino ai 67,5 cm; mentre le forme rettangoli hanno una larghezza fissa di 33,75 cm. Ogni pannello è alto tanto quanto il piano in modo tale da poter essere controllato in modo autonomo dagli utenti presenti all’interno dell’edificio, in modo da garantirne il corretto livello di comfort luminoso e termico.

Sezione facciata ventilata

A cura di Ing. Ivan Manoli

Fonti: https://www.cost.eu/